fbpx
0

Totale 0,00 €

 x 

Oggetti aggiunti di recente

Il tuo carrello è vuoto
0 Prodotti

Blog

Conoscere il Molise. I nostri consigli!

Cosa vedere in Basso Molise parte 2

Cosa vedere in Basso Molise parte 2

Riprende il nostro viaggio nel Basso Molise, ecco la seconda parte del nostro racconto:
I COMUNI COSTIERI: TERMOLI, CAMPOMARINO, PETACCIATO
La città più importante del piccolo tratto costiero molisano è senza dubbio Termoli. Con le sue spiagge spaziose che si estendono a nord e sud della città ed il suo borgo antico arroccato su di uno sperone a ridosso del mare, è un’autentica perla da visitare e vivere. Domina su tutto il Castello Svevo che, all’ingresso del borgo, ospita spesso al suo interno mostre ed esposizioni.

Resuming our journey in Lower Molise, here is the second part of our story:
THE COASTAL TOWNS: TERMOLI, CAMPOMARINO, PETACCIATO
The most important town in Molise's small coastal stretch is undoubtedly Termoli. With its spacious beaches stretching north and south of the town and its ancient village perched on a spur close to the sea, it is a real gem to visit and experience. Dominating it all is the Swabian Castle, which, at the entrance to the village, often hosts exhibitions and displays inside.

37993237 10215989381183322 6880683233353138176 n

@MichaelDeSanctis

Proseguendo lungo la via che offre una vista privilegiata sul mare e la possibilità di tramonti unici, si giunge tramite una stradina laterale alla piazza centrale, dove si erge la Cattedrale di Santa Maria della Purificazione, Duomo di Termoli. In stile romanico-pugliese con un maestoso portone d’ingresso e sette arcate adornate da bassorilievi ospita al suo interno le reliquie di San Basso e San Timoteo, quest’ultime ritrovate casualmente nel 1945 e che hanno reso Termoli, importante luogo di pellegrinaggio. In suo onore, durante il mese di Maggio, si svolge il Palio di San Timoteo, un avvincente torneo medievale in cui gareggiano i quattro Rioni del borgo, rappresentati dalle associazioni locali.

Continuing along the street that offers a privileged view of the sea and the possibility of unique sunsets, one reaches via a side street the central square, where stands the Cathedral of Santa Maria della Purificazione, Termoli Cathedral. In Apulian-Romanesque style with a majestic entrance door and seven arches adorned with bas-reliefs, it houses inside the relics of St. Bassus and St. Timothy, the latter of which were accidentally found in 1945 and made Termoli, an important place of pilgrimage. In his honor, during the month of May, the Palio di San Timoteo is held, an enthralling medieval tournament in which the town's four districts, represented by local associations, compete.

 

1621693342992

@elenavizzoca

Tra le viuzze del borgo, impreziosite dalle facciate colorate delle case e tanti graziosi ristorantini, è possibile imbattersi in quello che per i Termolesi è il vicolo più stretto d’Italia (una disputa ancora aperta con il comune marchigiano di Ripatransone). Diverse le associazioni che propongono visite guidate della città alla scoperta della Termoli sotterranea o del suo Trabucco, unico superstite di tre ad una violenta mareggiata di qualche anno fa. Gradevole percorre in bici o a piedi il lungomare che grazie ad una pista ciclabile unisce il litorale nord a quello sud. Da Termoli è inoltre possibile raggiungere in meno di un’ora le bellissime Isole Tremiti, un arcipelago di tre piccole isole dalle acque cristalline e l’incantevole natura; una meta che non si può mancare.

Among the narrow streets of the village, embellished by the colorful facades of the houses and many charming little restaurants, it is possible to come across what for the Termolesi is the narrowest alley in Italy (a dispute still open with the Marche municipality of Ripatransone). Several associations offer guided tours of the city to discover the underground Termoli or its Trabucco, the only survivor of three to a violent sea storm a few years ago. It is pleasant to bike or walk along the waterfront that, thanks to a bike path, joins the north and south coasts. From Termoli it is also possible to reach in less than an hour the beautiful Tremiti Islands, an archipelago of three small islands with crystal-clear waters and enchanting nature; a destination not to be missed.

 1621694004643

@liviabasha

 1621694186070

@nazarstruck.photo

Poco più a sud di Termoli si trova, invece, Campomarino, con la sua parte di città adagiata su un promontorio roccioso ed un’altra in riva all’Adriatico, chiamata appunto Campomarino Lido. Quest’ultima è meta di turismo balneare grazie alle sue spiagge ampie e sabbiose e le acque cristalline. La città alta con i suoi punti panoramici offre angoli suggestivi per gli amanti dei bei paesaggi. Campomarino è anche uno dei comuni del basso Molise di tradizione arbëreshë (albanese); tra le sue vie sono stati realizzati alcuni murales che raccontano momenti di vita quotidiana di questa comunità e grazie ai loro colori impreziosiscono il centro storico dove merita una visita la Chiesa di Santa Maria a Mare, la più importante di Campomarino, risalente al XII-XIII sec.

Slightly south of Termoli, however, is Campomarino, with its part of town lying on a rocky promontory and another on the shore of the Adriatic, called precisely Campomarino Lido. The latter is a destination for beach tourism thanks to its wide, sandy beaches and crystal-clear waters. The upper town with its viewpoints offers picturesque corners for lovers of beautiful landscapes. Campomarino is also one of the municipalities of lower Molise with an Arbëreshë (Albanian) tradition; among its streets there are a number of murals that recount moments of daily life of this community and thanks to their colors embellish the historic center where the Church of Santa Maria a Mare, the most important in Campomarino, dating back to the 12th-13th centuries, is worth a visit.

 1621694529286

@vincenzomelino

Come Campomarino, anche Petacciato, comune a Nord di Termoli, è diviso nel paese situato su un piccolo rilievo e la parte balneare lungo la costa, divise nel mezzo da una lunga e fitta pineta. Le sue spiagge ampie e dalla sabbia sottile, precedute da un sistema di dune ricco di fauna e flora marina, sono bagnate da acque cristalline; come per tutto il litorale molisano anche qui non mancano i punti di spiaggia libera, dove rilassarsi lontano da ogni frastuono. Dal borgo e dalle vicine colline è possibile godere di scorci e panorami affascinanti.

Like Campomarino, Petacciato, a municipality north of Termoli, is divided into the town located on a small rise and the beach part along the coast, divided in the middle by a long and dense pine forest. Its wide, fine-sand beaches, preceded by a dune system rich in marine fauna and flora, are washed by crystal-clear waters; as with the entire Molise coastline, here too there is no shortage of free beach spots where one can relax far from all the hubbub. Fascinating views and panoramas can be enjoyed from the village and nearby hills.

118210097 10158193006266328 5371760150303972645 n

@MaurizioStorani

GUARDIALFIERA – GUGLIONESI – MONTENERO DI BISACCIA


Ai più nota per il lago artificiale formato negli anni ’60-’70 e chiamato appunto Lago di Guardialfiera o del Liscione, Guardialfiera è un grazioso borgo tra le cui stradine è sicuramente piacevole una passeggiata.
Il lago rappresenta una delle attrattive principali; esso cela un antico ponte noto con il nome di Ponte di Sant’Antonio o con quello più suggestivo di Ponte di Annibale, proprio perché si ritiene sia stato transitato dal famoso condottiero cartaginese; durante i periodi di maggior siccità riaffiora parzialmente dall’acqua.
Guardialfiera è inoltre città natale dello scrittore, giornalista e saggista Francesco Jovine, autore di romanzi come Signora Ava e le Terre del Sacramento. A lui è stato intitolato il recente Parco letterario e del Paesaggio.

Best known to most for the artificial lake formed in the 1960s-70s and called precisely Lake Guardialfiera or Lake Liscione, Guardialfiera is a pretty village among whose narrow streets a walk is certainly pleasant.
The lake represents one of the main attractions; it conceals an ancient bridge known by the name of Ponte di Sant'Antonio or with the more evocative one of Ponte di Annibale, precisely because it is believed to have been passed by the famous Carthaginian leader; during periods of greatest drought it partially resurfaces from the water.
Guardialfiera is also the hometown of writer, journalist and essayist Francesco Jovine, author of novels such as Signora Ava and the Lands of the Sacrament. The recent Literary and Landscape Park was named after him.

 

stambeccomite 20210522 3

@stambeccomite

Di un panorama a 360° si può godere a Guglionesi, piccolo paesino adagiato su un’altura che permette di spaziare con lo sguardo sulle vallate circostanti sino al mare. Uno studio archeologico di pochi anni fa ha permesso di scoprire che questo territorio era probabilmente abitato sin dall’età del bronzo; grazie agli studi effettuati nella Grotta del Colle Bianco, infatti, il materiale rinvenuto sembrerebbe avvalorare questa ipotesi.

A 360-degree panorama can be enjoyed in Guglionesi, a small village perched on a rise that allows one's gaze to sweep over the surrounding valleys as far as the sea. An archaeological study a few years ago discovered that this area was probably inhabited since the Bronze Age; thanks to studies carried out in the Grotta del Colle Bianco, in fact, the material found would seem to support this hypothesis.

PicsArt 05 24 02.40.04

Di un panorama simile a quello di Guglionesi, fatto di dolci e piccole colline e mare, può godere anche Montenero di Bisaccia. Il borgo, la cui estensione territoriale giunge sino al mare, si sviluppa su una dolce collina che in origine venina chiamata “monte nero”, per la fitta boscaglia che lo ricopriva e da cui derivò il nome del paese. Grazie alla grande estensione territoriale è molto vocata alle produzioni agricole e non solo; famosa, infatti, è la sua Ventricina, insaccato di maiale trattato e stagionato secondo tradizione. Suggestivi i suoi calanchi che meritano un’escursione.

A similar panorama to that of Guglionesi, made up of gentle, small hills and the sea, can also be enjoyed by Montenero di Bisaccia. The village, whose territorial extension reaches as far as the sea, spreads on a gentle hill that was originally called "black mountain," because of the thick brushwood that covered it and from which the name of the village derived. Thanks to its large territorial extension, it is very suitable for agricultural production and not only; famous, in fact, is its Ventricina, a pork sausage treated and seasoned according to tradition. Suggestive are its gullies that are worth an excursion.

igers molise 20210522 2

@andreacinquegrani

 I COMUNI CROATI ED ALBANESI


Forse non tutti sanno che in alcuni comuni del Basso Molise si parlano due lingue. Ebbene sì, si tratta di minoranze croate ed albanesi stanziatesi storicamente in regione durante varie ondate migratorie a partire dal XV sec. L’avanzata dell’impero ottomano, infatti, provocò un’ampia ondata migratoria dai Balcani che trovò nuovi territori sulla nostra penisola ripopolando, soprattutto, le aree costiere che si erano spopolate dopo il terremoto del 1456 e in seguito alla peste del 1495
I comuni di origine croata che nel corso dei secoli hanno mantenuto intatti idioma e tradizioni sono Acquaviva Collecroce, Montemitro e San Felice del Molise, compresi tra i fiumi Biferno e Trigno, qui è ancora possibile trovare indicazioni municipali e commerciali scritte sia in italiano che in slavo. Ma presenze croate sembrerebbero essere riconducibili anche ai comuni di Palata, Tavenna, Mafalda, Montelongo, Petacciato, San Biase e San Giacomo degli Schiavoni.
Più consistente è invece la comunità albanese (arbëreshë), che conta circa 13.000 persone, suddivise nei quattro comuni del Basso Molise: Campomarino, Montecilfone, Portocannone e Ururi.

Perhaps not everyone knows that two languages are spoken in some Lower Molise municipalities. Well, yes, these are Croatian and Albanian minorities who historically settled in the region during various waves of migration beginning in the 15th century. The advance of the Ottoman Empire, in fact, provoked a large wave of migration from the Balkans that found new territories on our peninsula repopulating, above all, the coastal areas that had been depopulated after the earthquake of 1456 and following the plague of 1495
The municipalities of Croatian origin that have kept their idiom and traditions intact over the centuries are Acquaviva Collecroce, Montemitro and San Felice del Molise, located between the Biferno and Trigno rivers; here it is still possible to find municipal and commercial signs written in both Italian and Slavonic. But Croatian presences would also seem to be traceable to the municipalities of Palata, Tavenna, Mafalda, Montelongo, Petacciato, San Biase and San Giacomo degli Schiavoni.
More substantial, on the other hand, is the Albanian (arbëreshë) community, which numbers about 13,000 people, divided among the four Lower Molise municipalities of Campomarino, Montecilfone, Portocannone and Ururi.

fra bblondie 20210522 3

@fra_bblondie Montemitro 

 

pronking peripezie 20210522 5

@proking_perizie

PICCOLE CURIOSITA’/SMALL CURIOSITIES

CASTELMAURO: IL PAESE DELLE STELLE
Per i più romantici e per chi ama avere la testa tra le stelle, a Castelmauro, e precisamente sulla vetta del monte Mauro a 1042 m, è installato un osservatorio astronomico moderno, dotato di uno dei più avanzati telescopi robotizzati presenti in Italia. È dedicato a Padre Giovanni Boccardi, importante astronomo e matematico originario di Castelmauro. Senza dubbio di grande interesse le visite con seminari ed osservazioni al telescopio. Da non perdere!

CASTELMAURO: THE LAND OF STARS
For the romantics and those who like to have their heads among the stars, a modern astronomical observatory, equipped with one of the most advanced robotic telescopes in Italy, is installed in Castelmauro, specifically on the summit of Mount Mauro at 1042 m. It is dedicated to Father Giovanni Boccardi, an important astronomer and mathematician originally from Castelmauro. Undoubtedly of great interest are the visits with seminars and telescope observations. Not to be missed!

silvana corsi 20210522 6

@silvana_corsi

UN’OASI DI PACE: IL SANTUARIO DI SANTA MARIA DI CANNETO
In un ambiente suggestivo, tra quiete e bellezza, sorge il Santuario di Santa Maria di Canneto nel comune di Roccavivara. La Chiesa attuale, semplice ed austera, risale ai secoli XI e XII ad opera di monaci Benedettini. L’area, però, era abitata sin dall’epoca romana; infatti, non distante dalla chiesa sono presenti i resti di una villa romana e di un’azienda agricola in cui veniva prodotto olio e vino. Un luogo di spiritualità e fervore religioso arricchito di storia.

AN OASIS OF PEACE: THE SANCTUARY OF SANTA MARIA DI CANNETO
In an evocative setting, amid quiet and beauty, stands the Sanctuary of Santa Maria di Canneto in the municipality of Roccavivara. The present church, simple and austere, dates back to the 11th and 12th centuries by Benedictine monks. The area, however, was inhabited sinceRoman times; in fact, not far from the church are the remains of a Roman villa and afarm where oil and wine were produced. A place of spirituality and religious fervor enriched with history.

everywhere larmando 20210524 0

 @everywhere_larmando

BONEFRO: IL PAESE DEGLI OMBRELLI COLORATI
Città di origine di Tony Vaccaro, famoso fotografo di guerra ed in seguito di moda e lifestyle, Bonefro, piccolo comune situato su di uno sperone roccioso, per celebrare il suo illustre concittadino, ha deciso di dedicargli un’installazione emozionante e sorprendente: una distesa di ombrelli colorati sospesi, esaltati dall’azzurro del cielo estivo. Installazione e location non casuali se si pensa che proprio qui nel 1955, Vaccaro scattò “Ragazzi con ombrelli”, una delle tante fotografie che lo resero celebre a livello internazionale. Sempre visitabile la mostra permanente dedicata alle sue fotografie.

BONEFRO: THE TOWN OF COLORFUL UMBRELLAS
Home town of Tony Vaccaro, famous war photographer and later fashion and lifestyle photographer, Bonefro, a small town situated on a rocky outcrop, has decided to dedicate an exciting and surprising installation to him to celebrate its illustrious fellow citizen: an expanse of suspended colored umbrellas, enhanced by the blue summer sky. Installation and location are not coincidental when one considers that right here in 1955, Vaccaro shot "Boys with Umbrellas" one of the many photographs that made him internationally famous. Always visit the permanent exhibition dedicated to his photographs.

sefi d 20210522 15

 @sefi_d_

PROVVIDENTI: EX BORGO DELLA MUSICA
Uno dei comuni più piccoli d’Italia, Provvidenti è stato per alcuni anni “Borgo della Musica” aprendo le porte per allestimenti e produzioni musicali live a tutti gli artisti interessati. Seppur il progetto sia attualmente terminato, resta il fascino di questo piccolo borgo in cui hanno risuonato, soprattutto nelle sere d’estate, le note di tanti artisti.

PROVIDENTI: FORMER BOROUGH OF MUSIC
One of the smallest municipalities in Italy, Provvidenti has been "Borgo della Musica" for a number of years, opening its doors for staging and live music productions to all interested artists. Although the project is currently over, there remains the charm of this small village where the notes of many artists have resounded, especially on summer evenings.

molisedavivere 20210522 17

@lumisono provvidenti

MONTORIO NEI FRENTANI: “IL BORGO DALLA PERFETTISSIMA ARIA”
Visitando Montorio, è facile comprendere il perché dell’affermazione “il borgo dalla perfettissima aria” fatta dall’arcivescovo, teologo e filosofo Giovanni A. Tria. Compreso tra i fiumi Fortore e Biferno, e circondato da uliveti, vigneti e frutteti, Montorio è stato probabilmente abitato sin da epoca preistorica e di certo fu teatro di scontro, durante la seconda guerra punica, tra Annibale e Fabio Massimo. Oggi si presenta come grazioso borgo in cui visitare la Chiesa di Santa Maria Assunta, dove è custodito il dipinto dell’Annunciazione (il più bello del mondo, secondo il critico e storico d’arte Vittorio Sgarbi), Palazzo nobile Magliano, le fontane dislocate nei quattro punti cardinali del paese e le sue porte d’accesso.

MONTORIO NEI FRENTANI: "THE VILLAGE OF THE MOST PERFECT AIR"
Visiting Montorio, it is easy to understand why the statement "thevillage of the most perfect air" was made by archbishop, theologian and philosopher Giovanni A. Tria. Encompassed by the Fortore and Biferno rivers, and surrounded by olive groves, vineyards and orchards, Montorio has probably been inhabited since prehistoric times and was certainly the scene of clashes, during the Second Punic War, between Hannibal and Fabius Maximus. Today it presents itself as a charming village in which to visit the Church of Santa Maria Assunta, where the painting of the Annunciation (the most beautiful in the world, according to art critic and historian Vittorio Sgarbi) is kept, Palazzo nobile Magliano, the fountains located at the four cardinal points of the village and its gateways.

nikyrich 20210522 18

@nikyrich

 

Idee di viaggio Alto Molise parte 1 ➡️ https://agriturismoessentia.com/blog/weekend-in-molise-idee-di-viaggio-nell-alto-molise

Idee di viaggio Alto Molise parte 2 ➡️ https://agriturismoessentia.com/blog/weekend-in-molise-idee-di-viaggio-nell-alto-molise-parte-2

Cosa vedere in Basso Molise parte 1 ➡️ https://agriturismoessentia.com/blog/weekend-in-molise-idee-di-viaggio-nell-alto-molise-parte-2

 

28°C

Larino, IT

Light rain
Umidità: 44%
Vento: ONO a 1.69 m/s
Martedi
23°C / 34°C
Mercoledi
23°C / 33°C
Giovedi
23°C / 31°C
Venerdi
22°C / 32°C
Sabato
22°C / 33°C
Domenica
24°C / 35°C

essentia logo w

Iscriviti alla Newsletter

Email
Nome: Cognome:

41.8768095, 14.9321356

Salvatore +39 329 86 26 004
[email protected]