fbpx
0

Totale 0,00 €

 x 

Oggetti aggiunti di recente

Il tuo carrello è vuoto
Carrello vuoto

Blog

Conoscere il Molise. I nostri consigli!

Cascate in Molise: ecco tre luoghi imperdibili!

Cascate in Molise: ecco tre luoghi imperdibili!

«Da molisano ammetto un pò me ne vergogno, ma non sapevo dell'esistenza di questo posto. Una volta percorso il sentiero, il paesaggio naturale che mi si palesò dinanzi, mi lasciò esterrefatto. Non credevo ai miei occhi!»

 

Un giorno assolato di primo pomeriggio mi trovavo in un paese non troppo distante da Isernia e, di ritorno da una breve ma intensa escursione, decisi di sedermi al tavolino di un bar del paese, con l'intento di godermi un caffè. Da quell'angolazione, il borgo mi pareva immobile, quasi muto, come trovarsi dentro le pagine di uno dei romanzi di viaggio di Carlo Levi: al lato vecchie auto parcheggiate, sopra di me signore affacciate al balcone, per strada un paio di ragazzetti a rincorrere un pallone mentre di fronte dei signori anziani anch'essi seduti ai tavoli del bar riparati all'ombra di una quercia, si intrattenevano tra giochi di carte e qualcosa da bere. In lontananza nel contado, udivo solamente qualche cane abbaiare e il motore di un trattore in movimento. Da queste parti il telefono prende poco e male perciò, quando si vuole scambiare due battute con qualcuno e chiedere qualche informazione ma non si sa dove, è quasi sempre conveniente avvicinarsi al bancone del barista, un posto adatto a chi cerca storie inedite sul posto. Avvicinatomi, alcuni clienti discutevano animosamente di politica e cronaca cittadina, degli interminabili lavori di manutenzione delle strade e a un certo punto, notatomi, spostarono l'attenzione su di me domandandomi stupiti cosa mai stessi cercando da quelle parti. Inizialmente gli risposi vagamente ma, probabilmente tradito dal mio abbigliamento sportivo e dallo zaino in spalla, intuirono che ero lì per visitare "le cascate improvvisamente divenute famose". A tale ragione, raccontai di aver sentito parlare sui social di un gruppo di giovani volontari che associandosi, avevano risistemato con cura e dedizione molteplici sentieri naturalistici che conducevano ai loro "luoghi del cuore". Un'azione encomiabile quella dei ragazzi che, con spirito intraprendente, hanno volontariamente speso parte del loro tempo a ripulire la zona intorno alle cascate per renderla turisticamente più sicura ed accessibile. A queste mie affermazioni, i volti di chi sino a quel momento mi stava ascoltando, mi parevano a metà strada tra lo scoppio di un'imminente e fragorosa risata e un'espressione incredula, quasi fossi stato tanto matto da credere che questa vicenda potesse seriamente dare una mano a promuovere il borgo.

Rivista AeM

 

Era un giorno di fine primavera del 2019 e sentivo di tornare a casa con un'esperienza in più nello zaino. La cosa che più mi diverte è che, se dentro al bar avessi anticipato che un anno dopo da oltreoceano il New York Times avrebbe inserito il Molise nella classifica dei 50 luoghi dove recarsi nel 2020 (https://www.nytimes.com/interactive/2020/travel/places-to-visit.html) e che l'anno dopo la rinnomata rivista Lonely Planet avrebbe pubblicato per la prima volta una guida turistica sull'Abruzzo e sul Molise (https://shop.lonelyplanetitalia.it/prodotto/guida-di-viaggio-abruzzo-e-molise), probabilmente quelle stesse persone (e non solo) avrebbero riso ancora di più pensando all'incredulità dei fatti.

 

LE CASCATE DI CARPINONE: UN'OASI VERDE FUORI DAL TEMPO

Persino i più scettici si sono dovuti ricredere: il Molise esiste eccome e sta provando a cambiare volto. L'impresa sostenuta e portata avanti dai ragazzi dell'associazione "Molise in Action" è tra gli esempi più virtuosi. Definite dal FAI (Fondo Ambiente Italiano) una delle attrazioni naturalistiche più interessanti di tutta la regione, il successo virale riscosso dalle cascate di Carpinone è ormai sotto gli occhi di tutti. Sconosciute ai più sino a qualche anno fa, persino a buona parte degli stessi molisani, in un paio d'anni l'area ha rappresentato un punto fermo delle attrazioni turistiche più ricercate e amate dai visitatori. Raggiungerle è abbastanza semplice, una volta parcheggiati nel borgo, dalla piazza centrale si percorrono diversi sentieri, tutti immersi nel verde brillante e caratterizzati da un'atmosfera silenziosa interrotta solamente dal fragore del fiume.

Cascata Carpinone

I tragitti sono percorribili in piena sicurezza e forniti di segnaletiche di legno realizzate a mano in modo da non intaccare il paesaggio circostante. Ecco quello che c'è da sapere: la cascata di Carpinone, con un salto imponente di circa 20 m., è frutto dell'unione del fiume Carpino con il torrente Tura ed è a metà generata da una diga artificiale. Si trova a pochi passi dal centro abitato ed è raggiungibile a piedi in appena 15 minuti. Passando per un altro sentiero più a monte invece, si trova la cascata Schioppo, con un salto meno imponente della precedente di circa 10 m. ma totalmente di origine naturale.

Cascata schioppo

Qui l'aria è fresca e l'atmosfera rigenerante grazie anche ad un clima a tratti tropicale. Infine, ai più audaci camminatori farà piacere scoprire che ad un ora dal centro del paese, precisamente in località San Marco, esiste un terzo salto d'acqua chiamato la cascata Paradiso, un luogo immerso nella natura più selvaggia ed incontaminata. La cascata qui si genera da un torrente a carattere stagionale, l'acqua del Vallone, più copiosa nei mesi invernali e più asciutta nei mesi estivi. L'associazione offrire anche attività sportive durante i weekend, previa prenotazione, come il "Trekking altramonte", la "Fattoria didattica" e il "River trekking". Accompagnati da guide esperte locali e attrezzati con tutto il necessario, ci si può incamminare sui monti di Carpinone al tramonto e ammirare uno splendido panorama o immergersi nel letto del fiume Carpino e, nel giro di un'ora risalire il fiume sino alla cascata Schioppo. O ancora, dirigersi in una piccola fattoria del posto per conoscere tanti piccoli e graziosi animali. Tutte le info disponibili sul sito dell'associazione "Molise in Action o sulle pagine social (Facebook): https://www.moliseinaction.it/?fbclid=IwAR1qbAVvlP9qTAWE8eLDP4Gchzp-Kw988ptUNwaZ4FIFVhTfUidOGz3d9TU ; https://www.facebook.com/moliseinaction

Cascata Paradiso

River Trekking

 

CARPINONE, ECCO COSA VEDERE OLTRE LE CASCATE

Ma Carpinone (623 m. s.l.m) è anche un paese con un passato storico tutto da rivivere a piedi. Si tratta di un minuzioso borgo di orgine medievale di appena 1000 abitanti, composto da grappoli di case aggrappate alle pendici di una collina circondata da monti di varia altezza e circumnavigata dal fiume Carpino dal quale prenderebbe il nome. Munito di un doppio ordine di fortificazioni murarie sorte in tempi e modi differenti. La prima cinge il Castello Caldora, a forma di pentagono irregolare delimitato da 5 torri, un tempo fulcro della corte trecentesca del capitano di ventura Giacomo Caldora oggi proprietà privata ammirabile solo dall'esterno e perciò non visitabile. La seconda invece, racchiude la parte bassa del borgo con il suo centro storico, un mix gradevole di vicoli stretti lastricati in pietra e chiese antiche come la rinascimentale Chiesa della Madonna delle Grazie o la chiesa dedicata a San Rocco il santo patrono del paese.

Carpinone

Castello Carpinone

 

LE CASCATE DI SANTA MARIA DEL MOLISE

Lasciata Carpinone e proseguendo in direzione sud per circa 8 km, ai piedi della catena dei monti del Matese si trova Santa Maria del Molise (587 m. s.l.m), un borgo aggrappato ad una collina che si affaccia sulla meravigliosa Basilica santuario di Castelpetroso. Un tempo, il paese era conosciuto col nome di "Capo d'Acqua" per via appunto dei numerevoli corsi d'acqua che hanno dato origine al fiume Rio. A valle del borgo, è possibile ammirare le romantiche cascatelle del cosidetto Parco dei Mulini dove è infatti possibile ammirare antichi mulini recentemente restaurati che un tempo fungevano da approvvigionamento idrico e che oggi rappresentano una splendida testimonianza del passato della civiltà molisana. Un ampio parcheggio e svariate panche in legno poste sotto l'ombra di salici, rendono l'area delle cascate tra i punti più piacevoli dove sostare in Molise. Sicuramente da non perdere!

Cascata santa Maria Molise mulino

Santa Maria del Molise mulino 2

 

CASTEL SAN VINCENZO: IL LAGO , L'ABBAZIA E LE CASCATE DEL VOLTURNO

Non potevamo proseguire questo viaggio alla scoperta delle più belle cascate del Molise non citandovi anche quelle del fiume Volturno. Volgendo le spalle al borgo di Santa Maria del Molise, una quarantina di minuti vi separeranno da Castel San Vincenzo (IS), un luogo fiabesco posto su di costone roccioso a 749 m s.l.m., si affaccia nella splendida cornice dei monti delle Mainarde appartenenti al Parco Nazionale d'Abruzzo Lazio e Molise. Il borgo, che conta meno di 600 abitanti, è frutto di una recente fusione tra il comune di Castellone al Volturno e San Vincenzo avvenuta nel 1928. Pertanto, l'assemblaggio è visibile ancora oggi poichè il paese dispone di due piazze principali ben distinte con due chiese e due monumenti ai caduti. Il paese, conosciuto soprattutto per il suo lago turchese, preserva il suo aspetto medievale fatto di vicoli stretti ed edifici sovrapposti. Una piacevole passeggiata in paese vi porterà alla scoperta del borgo e delle sue peculiarità come la duecentesca Fontana Fraterna realizzata con frammenti di iscrizioni e bassorilievi romani ed eretta da Papa Celestino V che qui nacque.

Castel San Vincenzo

Castel san Vincenzo 1

A circa 4 km dal centro, si trova l'area archeologica dell'abbazia longobarda del V secolo sulla riva sinistra del fiume Volturno e la nuova Basilica di San Vincenzo del XII secolo sulla riva opposta, interamente ricostruita dopo che i bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale l'avevano distrutta. Oggi è visitabile ed ospita all'interno una comunità benedettina. Nell'area archeologica è possibile invece ammirare in particolare gli affreschi della Cripta di Epifanio, tra i più importanti esempi di pittura altomedievale europea.

Abbazia San vincenzo

E le cascate?! Ci stiamo avvicinando. A poche centinaia di metri dall'area archeologica in località Cartiera si trova quest'altra piccola ma incantevole cascata verdeggiante. Il piccolo sentiero al quale conduce è abbastanza semplice da percorrere ma attenzione perchè l'ultimo tratto diventa scosceso e bisogna che ci si aggrappi ad una cordicella in modo da sostenersi. Una volta scesi, si inizia già a percepire un'aria frizzantina e il rumore delle cascate è accompagnato dalla vista di una natura lussureggiante. La cascata del Volturno non è accessibile gratuitamente e pertanto c'è un ticket da pagare di 2 euro a persona poichè l'area è gestita da un'associazione del posto che a breve conta di programmare escursioni nei dintorni. Tutte le info su: https://www.instagram.com/cascatedelvolturno_asd/ ; https://www.facebook.com/Cascate-del-volturno-101978802036868

Cascata Volturno

Cascata del Volturno 2

 

QUALCHE DRITTA PRIMA DELLA PARTENZA


Insomma, quale cascata vi piarecebbe visitare prima? Un consiglio spassionato che ci sentiamo di darvi è raccomandarvi che quando ci si reca in montagna è bene non farsi trovare impreparati: un minimo di preparazione fisica e un'attenzione ai preparativi per ogni tipo di evenienza sarebbe alquanto suggeribile. Prima di lasciare l'agriturismo, controllate sempre il giorno prima le condizioni meteo ricordandovi di portare con voi uno zaino, non sovraccaricandolo troppo, con dentro una borraccia per l'acqua (almeno 1L), del cibo, occhiali da sole, eventualmente una crema solare e salviettine igienizzanti. Per questo tipo di escrusione, si raccomanda di indossare un abbigliamento idoneo preferendo sempre scarpe da trekking che proteggano la caviglia (vietate scarpe aperte) e portando assieme un piccolo kit di primo soccorso (cerotti, bende e garze, spray repellente per insetti, antistaminici, integratori di sali minerali etc) un ombrello o una giacca a vento leggera o pesante a seconda dell'altitudine che si vuole raggiungere e della stagione. Tutto pronto? Benissimo! Al seguente link troverete una mappa gps che, partendo dal nostro agriturismo, potrete usare come riferimento per raggiungere le mete in giornata:

→ https://www.google.com/maps/d/edit?mid=1_A6CwgPWSP2l7O8px6qWsHp1_3R0xWMy&usp=sharing

Non ci resta che augurarvi una buona escursione alla scoperta delle più imperdibili cascate del Molise!

 

 

 

essentia logo w

Iscriviti alla Newsletter

Email
Nome: Cognome: